Scesi all’inferno

scesi all'inferno

Axl Rose oggi e ieri.

Fosse una persona comune diremmo “oh ma hai visto com’è invecchiato? E poi avrà quasi 30 kg in più e dai si veste come un ragazzino ancora.. patetico”

Patetico una cippa! Lo hai sentito / visto  al concerto degli AC/DC?

Sai che cosa ho visto io? Un uomo che con 30 anni e 30 Kg in più e una gamba rotta, stando seduto con un cappello improbabile in testa e un paio di jeans strappati addosso, appena ha aperto bocca e le ha dato fiato a tirato fuori la stessa energia, forza, cattiveria ed esplosività di quando era il cantante dei Guns N’Roses.

(Ok, ok, gli AC/DC sono finiti con Bon Scott, non è in discussione questo)

Il punto è che quando certa gente la prendi anche dopo anni e la immergi nel suo elemento, ecco che vien fuori il ragazzino con tutti i risvolti positivi del caso e senza averne i difetti.

Ma questi sono giganti, sono gente che per essere a quel livello altro che ribellione e sfaticata apatia e quant’altro. Questi sono le persone più determinate e disciplinate che esistano al mondo.

Gente che ha passato giorno e notte per anni a provare e riprovare, e sbagliare e prendere nervoso e riprovare ancora. A vedersi porte in faccia, a barattare la propria privacy con una scintilla di vita, a scendere in quell’inferno che è fatto di rinunce a tutto ciò a cui pochi sono disposti a rinunciare. Perché le belle macchine e i soldi e gli applausi arrivano dopo aver faticato e intanto ti becchi gente che ti sta in testa, che mina la tua autostima, che ti chiede quello che non hai o che vuole quello che è tuo e personale. Devi vendere l’anima per superare tutto questo.

Hai ore inquiete, non sai più chi ti è vicino per te o per ciò che rappresenti, non sai di chi puoi fidarti, non hai un nido dentro al quale nasconderti.

E sei stanco, con i lividi sul cuore.

Già il cuore. Se hai un amore o lo perdi perché sei lontano o lo perdi perché non era amore per te ma per un’idea di te.

E ogni volta che alzi la testa i fatti tuoi fanno il giro del mondo e rimbalzano con stilettate sanguinarie al tuo equilibrio e motivo.

Altro che famiglia e vacanza con la fidanzata o serata al pub con gli amici: hai da studiare, lavorare e poi ricominciare da capo.

Non si molla.

Mai.

Se vuoi il successo devi scendere all’inferno

E quando torni devi essere più forte di prima.

I giganti lo fanno: guarda Axl cosa tira fuori su un palco oggi nonostante tutto.

Scendi all’inferno, poi ci facciamo una birra insieme. A meno che tu non preferisca una vita di quieta disperazione.

Advertisements

2 pensieri su “Scesi all’inferno

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...