I tuoi soldi bruciano

i tuoi soldi bruciano

Entro in un’azienda con prospettive di crescita che azzarderei definire grandissime. Una di quelle condizioni che sogna ogni imprenditore.

Se pensiamo che trattasi di una web agency italiana, la cosa fa ancora più piacere: il mercato è saturo di piccoli che si scannano per pochi spiccioli e di contro il cliente tipo è ancora acerbo.

Quindi? I soldi che bruciano sono i possibili guadagni del cliente che non capisce?

E no, qui la mia attenzione è andata all’agenzia e mi ha fatto pensare a quante altre Pmi hanno lo stesso problema.

Come “quale problema” ?

Ma naturalmente lo spreco di risorse interne.

Allora la cosa è andata così: ero lì che mi godevo lo spettacolo dell’imprenditore mentre raccontava ai suoi clienti la storia aziendale, gli obiettivi futuri, i successi raggiunti e altre amenità simili, quando mi cade l’occhio su una cartellina rossa.

Anzi, più di una. Vedevo queste cartelline nelle mani di molti. Allora chiedo di visionarne una e all’interno trovo quattro fogli con giusto quattro informazioni, ma così ben fatti da definirli quantomeno notevoli.

Allora decido di approfondire e chiedo.

Voglio sapere chi l’ha scritta, quando, su che basi. Voglio sapere perché. Sì soprattutto voglio sapere il perché.

E scopro che la web agency in questione lavora molto bene e sta diventando grande, ma anche che si trova proprio in quella fase nella quale un’organizzazione è sullo spartiacque: o si ferma a quel livello o fa il grande salto.

Ecco loro lo sanno che stanno per saltare, ma sanno anche che per farlo hanno bisogno di implementare delle figure e delle competenze che in questo momento non hanno. Le cercano certo, ma da quanto mi dice il fondatore, non ha ancora trovato i soggetti giusti.

E allora mi guardo in giro e parlo un pochino con i dipendenti. Tutta gente preparata, appassionata, entusiasta e penso “deve essere fantastico come ambiente di lavoro”.

Poi scambio due parole anche con la ragazza che ha redatto la cartellina di cui sopra.

Assunta per uno specifico ruolo (che da quanto visto svolge benissimo) ella possiede un talento naturale che sembra nessuno veda.

Aveva la mia curiosità, ma in un minuto si è guadagnata la mia attenzione.

Potrebbe tranquillamente ricoprire uno dei ruoli per i quali l’azienda è alla ricerca del soggetto adatto e senza che ciò possa incidere sul lavoro che svolge ora. Anzi sarebbe un ottimizzare le risorse, per lei e per l’organizzazione di cui fa parte.

E non ho avuto modo di approfondire con altri membri dello staff, ma sono sicuro che ognuno di loro ha un talento nascosto che sarebbe felice di mettere sul piatto.

Questa cosa accade spesso nelle organizzazioni commerciali: ci si dimentica che le persone sono fatte di tante cose e che, pur essendo eccellenti nel proprio lavoro, se trovi in loro ciò che fa la differenza, allora il ritmo cambia.

Insomma, le persone sono un tesoro inestimabile e non approfondire equivale a prendere i propri soldi e usarli per accendere il camino.

Quando hai dei collaboratori, il sistema più efficace perché rendano al meglio è far si che siano felici.

Questo si ottiene con una procedura molto semplice:

  1. scopri quali sono i loro sogni
  2.  scopri quali talenti nascosti hanno
  3.  collega queste due informazioni al lavoro che svolgono
  4. chiediti “cosa posso fare io per i miei collaboratori?”
  5.  fallo.

Tutto qui.

Certo per ogni punto ci vogliono mestiere e attenzione, e tempo.

Ma in questo modo avrai nel tuo team persone che riescono ad essere costantemente la miglior versione possibile di sé stessi e la conseguenza diretta è semplicemente che la tua organizzazione diverrà la miglior versione possibile di sé stessa.

La produttività aumenta in maniera esponenziale e con essa i risultati, i ricavi finanziari, la reputazione sul mercato e aumenteranno i sorrisi di chi fa parte del gioco.

Piccole cose che ben calibrate fanno una differenza enorme nei risultati e nel clima aziendale.

PS: Camilla mi ha stupito, chapeau.

Advertisements

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...