Soldi, prosperità, Lussuria, al tempo del web.

Lussuria al tempo del web

 

Abbiamo visto come la Superbia sia un ottimo veicolo di autopromozione, e come l’Accidia aiuti la creatività.

Dopo aver parlato di Invidia, affrontiamo ora un’altra incredibile forza motivante: la Lussuria.

Lascia stare tutti i discorsi sull’accezione negativa che viene data a questa parola e guarda la parte buona della cosa: la lussuria è un appetito istintivo, e l’istinto ha dalla sua rapidità e precisione.

Puoi stare a pensare, ragionare, valutare e fare tutti i conti che vuoi, ma la prima cosa da fare se vuoi avere successo è prendere una decisone: Decidi cosa vuoi dalla vita.

E decidi in base al tuo istinto. Scegli quello di cui non puoi fare a meno, quello che ti rende felice, quello che brami più di ogni altra cosa.

Non è importante se si tratti di soldi, potere, sesso, serenità, amore o beneficenza.

Quello che conta è che sia la cosa che di istinto sceglieresti se tu potessi scegliere liberamente, e poi guardati in giro: quanti ce ne sono che vogliono le stesse cose?

Eh, tanti, lo so. Sono sempre tantissimi.

Sai, il potere (inteso anche come potere sulla propria vita) è direttamente proporzionale alla quantità di lussuria, qui intesa come capacità di seguire il proprio istinto.

Quello che ti fa stare bene ti piace, se ti piace lo farai meglio di qualunque altra cosa perché ci metterai passione, energia, entusiasmo.

Passione, energia ed entusiasmo sono contagiosi, aumentano esponenzialmente il tuo potere seduttivo (ma chiamalo carisma se preferisci) sugli altri e la conseguenza diretta sarà circondarti di persone di valore tra le quali potrai scegliere tu, di chi avvalerti per raggiungere i tuoi obiettivi professionali.

E sfruttando proprio questa accettazione del tuo istinto, saprai in breve (ma forse lo sai già) cosa vuole esattamente chi ha i tuoi stessi interessi. Potrai vederli dalla rete giocando con i social network e tramite queste stesse piattaforme creare quella rete di relazione che al momento giusto potrai sfruttare con profitto.

Alcuni saranno divenuti amici, altri collaboratori, altri ancora fornitori e la quasi totalità saranno il tuo bacino d’utenza: i clienti.

Ecco, ora non ti resta che gettare l’amo, sedurre i tuoi nuovi clienti vendendo loro quello che anche tu vuoi, e proprio perché tu lo vuoi, saprai proporlo enfatizzandone i vantaggi come nessun altro.

Risultato? Scali il mercato, niente di più e niente di meno, e se sei bravo davvero saprai anche riconoscere gli istinti dei tuoi collaboratori e quindi sarai in grado di motivarli con incentivi personalizzati e realmente efficaci: ti ringrazieranno senza sosta con il meglio delle proprie capacità, facendo crescere a dismisura il tuo business.

Un consiglio in più: quando costruirai la tua offerta per il mercato, cerca di essere contemporaneamente aristocratico e rivoluzionario. Se ti riesce non avrai concorrenza.

Advertisements

12 pensieri su “Soldi, prosperità, Lussuria, al tempo del web.

  1. “Quello che ti fa stare bene ti piace, se ti piace lo farai meglio di qualunque altra cosa perché ci metterai passione, energia, entusiasmo”.

    Come le Menadi in preda all’estasi mistica glorificano danzando il loro amato Dioniso, ecco che una persona appassionata glorifica quello che fa spontaneamente e in maniera autentica, perché coltiva la propria passione seguendo l’impeto dell’istinto.

    La lussuria intesa in tal senso è potente ed estremamente utile.
    Accompagnata da un’attenta sobrietà e pacatezza 😉
    Apollineo e dionisiaco sono insuperabili quando convivono nella stessa mente.

    Grazie Andrea per questa geniale rivisitazione dei peccati capitali!

    Emma

    Mi piace

      • Certo che sì!
        Ricordo ancora (con una stramba pelle d’oca) il mio periodo antracite, durante il quale anche il Sole stesso mi sembrava oscurato. Ero io che affogavo tutto quanto mi stava attorno in una melma predatrice.
        Le esperienze, le storie, le emozioni inespresse e quelle inesprimibili, la Vita nella sua totalità è in sostanza neutra come un foglio bianco: siamo noi a darle forma e colore. Noi stabiliamo il taglio.
        Ora che la mia urgenza si fa cocente e cogente, ecco che sento il bisogno di uscire, di espormi, e soprattutto di dare.

        Mi piace

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...