fammi volare Capitan . . .

..fammi volare Capitan . . .

Capitan Harlock! La maggior parte di voi è troppo giovane per ricordarlo come lo ricordo io.

Ricordo che sarei stato pronto ad imbarcarmi all’istante… avevo 7 anni!

 

Ma quello su cui voglio focalizzare l’’attenzione è proprio la sigla originale di allora.

Sarò più specifico: sul testo.

 

Per me è ancora motivante e ci ragiono su da una settimana… chissà perché mi è venuta in mente una mattina e mi gira in testa da giorni quella frase “fammi volare capitan un’avventura…”

Nemmeno sapevo da dove arrivasse, poi improvvisamente cercando le foto delle tre signore qui sotto ho avuto come un’illuminazione: Capitan harlok!

 

Cosa c’entrano con un manga del 1979

Alessia Savi          Alessia Savi,    – starrifydesign

Valentina Tanzillo           Valentina Tanzillo    Studio Samo

Valentina Vellucci                         PerplessamenteVale  (Valentina Vellucci) Roar Magazine

 

C’entrano, e tanto.

Io ho avuto pochi contatti con le tre ragazze citate, e con una nemmeno di persona, ma sono tre donne che mi hanno tolto il fiato tanto sono straordinariamente efficaci.

Ma torniamo per un attimo a Capitan Harlock. Questa è la sigla originale e per comprendere appieno il senso di quanto segue, consiglio di ascoltarla bene.

Fammi rubare capitan un’avventura.. 

Sai che c’è? Che buttarsi nel mercato a fare il freelance è un’avventura meravigliosa tra pianeti sconosciuti (le opportunità) e qualche volta per certe cose ci vuole un Capitano nel quale aver fiducia.

Quando trovi qualcuno che ti sa trasmettere le sue conoscenze con la velocità e l’efficacia pari agli ordini sicuri del capitano di un vascello pirata, lo ascolti, e sai che al suo fianco sei pronto ad abbordare il nemico (che poi sono gli ostacoli della vita con P.Iva).

Quando solcare gli oceani o attraversare l’universo ti spaventa per quanto sono immensi, ma hai come riferimento un Capitano che conosce le rotte dei grandi marinai, allora non c’è la paura, ma la voglia di arrivare.

Quando il vascello su cui hai preso servizio (il corso e i contatti social)  ha le migliori attrezzature (esperienza e mestiere) e il capitano è pronto ad insegnarti come usarle al meglio per sopravvivere, quando ti cede gli strumenti dei migliori (sul mercato), dei vecchi lupi di mare (i grandi player), allora sei pronto ad affrontare ogni sfida.

E quando il tuo capitano è sempre disponibile e gentile, pur avendo un polso fermo, allora riconosci la sua leadership come forte e autorevole, ascolti ogni sua parola, leggi ogni sua riga e annoti ogni suo gesto senza dubbi, perché sai che proprio da lì avrai quel qualcosa in più che nessuno ti dice e che farà una grande differenza nei tuoi risultati.

Ho letto e ascoltato la luna su Pinterest, su Youtube e sulla Grafica Web, ma poi sono arrivate loro tre e mi hanno dato una visione diversa, molto chiara di cosa e come e perché, senza fronzoli: luccicante come l’acciaio di una spada.

E lo hanno fatto in pochi minuti.

Nei loro occhi c’è la luce di un cielo d’estate quando parlano di strategie applicate ai social network, e trasudano passione. Sanno entusiasmarti parlando di codici e hashtag e si sa che nulla è contagioso quanto l’entusiasmo.

Sai cosa mi hanno dato e cosa danno a tutti? La conoscenza.

E la conoscenza aumenta le possibilità di scelta.

Più scelte hai a disposizione, più hai libertà: puoi spezzare le catene di una vita mediocre e prendere il largo.

Sei libero di fare ed essere ciò che vuoi e come vuoi tu.

Proprio come gli antichi pirati dei Caraibi, che garantivano ai propri appartenenti una libertà e una sicurezza superiori a qualsiasi società allora definita civile.

Per gettarsi nella mischia a volte serve un capitano che ti faccia vivere una grande avventura con il sorriso sulle labbra e il coraggio di un leone e ti consenta di avere quelle nozioni e quelle prospettive sulle cose  per essere l’eroe della tua vita.

Ecco cosa sono queste tre signore: tre Capitani Coraggiosi che non si tirano indietro quando c’è da svelarti un segreto del mestiere, perché sono più forti della concorrenza, perché sono grandi leaders e come tali creano altri leaders

E tu? Hai trovato il tuo Capitan Harlock che ti fa venire la voglia di imbarcarti per un’avventura fantastica, per il callenge più straordinario che esista??

 

 

 

Advertisements

6 pensieri su “fammi volare Capitan . . .

  1. Il mio personale capitano è stato il mitico Preside Grom. Alfieri Andrea. Che dire, l’entusiasmo che ci mette nel comunicare idee e nel metterle in pratica è contagioso. Non potevo restare indifferente. Poi sono arrivati Claudio Gagliardini, Skande, Rudy e tanti altri e poi sei arrivato anche tu e poi ne arriveranno altri ma tutto ciò che sto facendo e imparando resta merito del mio Capitan Harlock Geom. Alfieri.

    Mi piace

  2. Ciao Andrea, questa frase è meravigliosa:
    “Più scelte hai a disposizione, più hai libertà: puoi spezzare le catene di una vita mediocre e prendere il largo”.

    Per spezzare le catene ci vuole coraggio, si fa una fatica immensa. Ma la soddisfazione di raggiungere l’obiettivo è straordinaria.

    Poi inizia la fame.. di sapere.. di avventura.. diventa cronica, diventi insaziabile. Prendi a morsi la vita.

    Articolo molto espressivo ed emozionante. Con semplici parole e un’analogia se riuscito a racchiudere molte cose.

    Mi piace

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...