Motivazione e Falsi Miti

Qualche giorno fa leggo un articolo sull’importanza di essere sé stessi, su quanto sia più efficace togliersi il mantello delle inibizioni, condito con qualcosa sulla motivazione.

Non è mia abitudine contestare gli scritti di altri, ma a me quell’articolo ha fatto tremare i polsi.

Io non vi segnalerò l’articolo, né farò il nome di chi l’ha scritto, perché lo considero un buon professionista e uno scivolone capita a tutti, ma se mi legge e ha voglia di mettersi a nudo, sono disposto a discuterne pubblicamente, ma sappi, tu che l’hai scritto che la prossima volta non sarò così gentile.

Quello che mi preme dire è: non infilarti mai in una strada che non conosci, perché se dici una cavolata parlando di social marketing, non fai grandi danni, ma se per scrivere un articolo che ti serve per riempire il blog mi tocchi argomenti delicati che non conosci, magari fai disastri.

Nell’articolo in questione  trovo scritto quanto sia importante essere sé stessi per essere efficaci e fin qui sfondi una porta aperta, e trovo cenni su quanto sia motivante il riuscire ad essere accettati dagli altri, e anche qui ci sto.

Un po’ meno il discorso sulle inibizioni, o meglio come superarle quel minimo che ci permetta di avere una migliore performance, perché nell’articolo si parla di Alcool.

E no, mi dispiace, ma dopo un mojito, o due o tre, non sei meglio di prima, non sei più simpatico, sveglio e intelligente, sei solo più ubriaco, e anche un po’ pirla. Magari a te sembra di essere meglio di prima, ma è solo una percezione alterata. Se hai bisogno di bere, di un tiro di cocaina o di uno spinello per essere te stesso, allora hai dei problemi grossi, ma davvero grossi e ti consiglio un terapeuta subito.

Una scarica di adrenalina la devi trovare in te stesso, da sano.

E non importa che lavoro fai e quali sono i problemi che affronti, è dentro di te che devi trovare un motivo per alzarti dal letto la mattina. Per combattere contro il fato dispettoso e realizzare grandi cose. L’approvazione sociale la ottieni se ti rilassi, se lasci che esca quella parte di te che custodisci gelosamente, e magari sbaglierai una volta si e una no, come tutti: fa parte del gioco.

Non ti serve un aiuto di sostanze strane, ti serve avere un buon motivo per fare le cose, per te stesso.

Fino a che acquisti un’auto, bevi un cuba libre, tiri di coca e mostri il nuovo cellulare solo per gli altri combinerai poco.

Quando le cose le fai perché ti piacciono, perché le senti dentro, perché le vuoi da non dormirci la notte allora, e solo allora, diventi vincente, carismatico e affascinante. Solo allora avrai vere soddisfazioni.

Mi scoccia demolire un articolo di uno che poi non è nemmeno in concorrenza con me, ma queste cose e queste indicazioni possono fare danni irreparabili.

Il tuo valore è quello che sei realmente, non un imbecille ubriaco o fatto.

Vuoi adrenalina? Vuoi essere irresistibile? Vuoi mietere successi in ogni campo?

Fai come la mia amica Lisa, poi trova un buon motivo per combattere e tienilo sempre ben chiaro nella mente.

Puoi  usare quello che vuoi per stimolare uno stato d’animo vincente: una canzone, un’immagine, un’idea.

Io ho due occhi di velluto che visitano i miei sogni ogni notte, e mi basta questo. Mi diverto un sacco a fare quello che gli altri mi dicono sia impossibile da fare, amo le sfide con me stesso e con gli altri e quando mi chiedono “perché ti sei infilato in una storia così complicata?” la mia risposta è sempre “Perché è un bel challenge”.

A te basta? No? Trova qualche altro motivo: non tutti sono stimolati dalle stesse cose, c’è chi punta alla fama e chi ai soldi, chi vuole mantenere un basso profilo e chi è felice se ostenta, trova il tuo motivo per fare e poi fallo.

Sdraiati, sogna un mondo come lo vorresti e poi alzati, tira su le maniche datti da fare per realizzare i tuoi sogni, Adesso!

O resterai uno di quegli spermatozooi ubriachi che non ce l’hanno fatta.

Lo shock del tuo sistema, devi essere tu.

Annunci

4 pensieri su “Motivazione e Falsi Miti

  1. L’alcool e “altro” è tante volte un pretesto, uno strumento “magico” che permetta di superare le paure. Peccato che abbia la tessa funzione del nascondere la polvere sotto il tappeto, non risolve il problema lo nasconde, lo procastina. Mi piace molto questo articolo, affronti un argomento che mi sta molto a cuore, anche perché spesso i miei coetanei utilizzano questi “strumenti” per nascondere paure.

    Mi piace

  2. Non ho mai condiviso l’idea che sotto l’effetto dell’alcol siamo noi stessi. Siamo solo noi stessi ubriachi, come hai giustamente scritto. L’alcol non toglie le inibizioni, ti rende solo fuori controllo. Pronto per ammazzare qualcuno alla guida dell’auto.

    Mi piace

  3. Bellissimo, condivido appieno, nessuna sostanza, alcol, fumo, può regalarti la gioia vera, quella vissuta con anima e corpo, di vivere la vita nonostante pianti e lotte. Purtroppo viviamo in una era in cui molti stupidamente, sono convinti del contrario e si feriscono e feriscono chi gli sta vicino e, nonostante dopo si rendano conto, che forse hanno sbagliato, continuano a ferirti… Spero solo che l’imbecillità di tali elementi abbia fine, che si rendano conto dei valori e delle soddisfazioni che perdono.

    Mi piace

Parliamone

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...